Giano

GIANO

1991 – 1992

selezione di stampe fotografiche ai sali d’argento su carta fotsensibile baritata 

Due fotocamere con lo stesso obiettivo, vincolate e posizionate in asse tra loro con visioni in direzioni opposte di 180°, come Giano bifronte. Il dittico risultante offre una rappresentazione della relazione spaziale tra l’inquadratura controllata e quella “casuale”. La prima inquadratura, posizionata in alto, rappresenta la visione intenzionale del fotografo, mentre la seconda inquadratura è generata dalla fotocamera senza il controllo visivo diretto.